Posts in Category: Sole

Il limite della Natura

Il Corno Alle Scale

Avevo controllato le previsioni del tempo. La nebbia sembrava intenzionata a “torturare” la provincia di Bologna nella giornata di Sabato.  Non proprio la condizione ideale di luce per i colori dell’Autunno.  Lizzano in Belvedere ed il Corno alle Scale invece sembravano scamparla. Una montagna nota per la sua straordinaria ricchezza e varietà di vegetazione.     Castagni, Aceri, Querce, Conifere, Ciliegi, ma soprattutto Faggi, raffinati dominatori delle alte quote.

Quando parto, Casalecchio è davvero immersa nella nebbia.  Raggiunto il Cavone la prima sorpresa è il laghetto, completamente secco.  Solo pochi mesi prima era tutta un’altra cosa e lo avevo ripreso al tramonto con la montagna e gli alberi circostanti che si specchiavano perfettamente sulle sue acque calmissime.

Seguo il sentiero 335, un po’ ripido ed insidioso a causa del tappeto di foglie che ricopre il passaggio. La visibilità è buona ma il sole di Novembre fa fatica a sollevarsi dal Monte ed il sentiero rimane all’ ombra per buona parte del percorso. Superato il ruscello la salita diventa ancora più ripida. Raggiungo il punto panoramico a strapiombo, finalmente il panorama è quasi completamente illuminato dal sole.  Da qui una meravigliosa vista dell’Autunno. La croce di Punta Sofia è poco sopra e dietro di me.  La maggior parte degli alberi ha perso del tutto le foglie e sembrano formare dei cumuli indistinti e tendenti al viola.  Altri alberi invece, ancora nella fase della metamorfosi, variano di colore: arancione, rosso, giallo, bianco. Il tutto si mescola con il “sempreverde” delle conifere.

A 1600-1700 metri circa, faggi e conifere sembrano sfidarsi all’ ultimo centimetro di quota. Ma poi si fermano perché questo è il limite superiore della vegetazione arborea, un limite che la Natura ha reso invalicabile anche per gli alberi più tenaci.

Più in alto la prateria rimarrà da sola a decorare di verde la montagna.

Per maggiori informazioni visita:

http://www.cornoallescale.net

www.appenninotosco-emiliano.com

L’ombra degli ippocastani al Parco Talon

 

talon-3

Esattamente trent’anni fa. Fine Ottobre del 1985.  Catapultato a Casalecchio di Reno, una città pressoché sconosciuta sia a me che a Paola. Allora non avrei mai immaginato quanto importante sarebbe diventata Casalecchio negli anni a venire.  Ma allora prevaleva la diffidenza per una città così diversa dalla mia. Tutto sembrava “fuori luogo”, insignificante, incomparabilmente limitato rispetto alla città da cui provenivo.  Capii solo più avanti che ero semplicemente “disorientato”, geograficamente, socialmente, emotivamente.

Ma quelle passeggiate domenicali al parco Talon avrebbero aperto un piccolo varco nel mio pregiudizievole scetticismo e lasciato un segno nel mio cuore.

Gli alberi secolari. Una vegetazione varia ed al tempo stesso straordinariamente “ordinata”. La collina come gigantesco argine naturale. I sentieri che conducono a viste panoramiche, attraversando viali, boschi e prati molto estesi. Le case antiche e le corti, testimonianza di una mondanità di altri tempi. Il frastuono del fiume e quella “chiusa” così misteriosa. Be’ dovevo ammetterlo: tutto questo nella mia cara città non c’era. Era “pericolosamente” bello, piacevole e curiosamente unico.

I colori saturi dell’autunno, le rosse foglie già cadute a terra, regolarmente distribuite ai piedi degli alberi. Il verde dell’erba. E quegli ippocastani così alti, in “formazione” ad accoglierti educatamente all’ ingresso. In alto le ultime foglie ingiallite ancora aggrappate coraggiosamente ai rami.  Spiragli di cielo azzurro tra gli alberi. In basso quelle ombre allungate, “decise” quasi scolpite e digradanti lentamente da una foglia ad un’altra sul terreno.

Tornai tante altre volte, nelle altre stagioni dell’anno scoprendo altri colori, altra ricchezza, una bellezza sorprendente in continua e periodica evoluzione.

Ma è l’immagine autunnale del parco che mi lasciò senza parole la prima volta.  Ancora oggi quando penso al Talon lo immagino nel pieno dell’Autunno, ippocastani spogli, foglie rosse sul terreno ed ombre allungate. Una foto “impressionata” solo nella mia memoria.

A distanza di tanti anni sono tornato.   Per rivedere quell’ immagine e rinfrescare il ricordo di un momento della Natura.

Sono tornato con cavalletto e fotocamera, questa volta.

Il Naufragio dell’Albero

Tramonto da Monte Colombo, Sirolo

Tramonto da Monte Colombo, Sirolo

“Se vuoi vedere la campagna di Sirolo al tramonto, ti suggerisco Monte Colombo”.

Mi aveva accompagnato là un paio di anni fa il mio amico di Sirolo. Una bella camminata in un sentiero ad anello lungo ben 6 km. Conservo ancora le foto di quella giornata di Aprile. Uno stradello in discesa che sembra indicare il Monte Conero, lontano nello sfondo.  Bacche rosse, il paesaggio collinare metà verde metà marrone. Persino un piccolo canyon, sorpresa della giornata. Poi la foto preferita quella di un vecchio olivo solitario con dietro un vigneto. Sono sempre attratto dagli alberi solitari.  C’ è qualcosa di misteriosamente unico. Che sia stato piantato dall’uomo o nasca naturalmente, qualcosa di magico deve aver creato quella singolarità, rompendo una simmetria. Una foresta si spiega sempre come una sequenza di rigenerazioni consecutive ravvicinate, in una lenta ma progressiva e prevedibile conquista del territorio circostante da parte delle nuove generazioni di alberi.  Se potessimo accelerare il tempo, vedremmo la dilatazione di una foresta nel territorio come una specie di reazione a catena a simmetria radiale, dove gli alberi più anziani passano il testimone ai figli e questi coraggiosamente si spingono un po’ più in là dove i loro padri non avevano osato.

Quando arrivo sul Monte Colombo è il momento del tramonto. Il sole sta andando a dormire dietro le montagne dell’Appennino umbro-marchigiano.  In lontananza l’inconfondibile sagoma del Monte San Vicino è oscurata da una nuvola. La campagna della collina esposta verso ovest è l’ultima a spegnersi gradualmente.  In mezzo, un albero solitario osserva come ogni sera lo spettacolo di fine giornata. L’ uomo lo ha scelto come riferimento per marcare il termine della zona da arare. Come sia finito lì da solo imprigionato in mezzo alla campagna è un mistero di questa terra.  Ma dietro quel naufragio di un seme trasportato come una piuma dal vento o dalle mani dell’uomo fino ad atterrare in quel punto esatto di fronte al sole, c’ è sicuramente una storia di eccezionalità, di imprevedibilità, di rottura di schemi, di asimmetria.

E quindi di rigenerazione della Natura sotto forme nuove.

 

 

Un tramonto al chiaro di Luna

Un tramonto al Chiaro di Luna

Non è la stagione giusta. Sapevo che sarei stato solo in questa spiaggia.  Chi altri poteva essere qui alle 7 di sera di fine Ottobre?

Anche nel pieno dell’estate Mezzavalle non riesce mai a riempirsi completamente. C’ è sempre quello stradello di mezzo che richiede un po’ di fatica sia per scendere sia per salire. Non troppa fatica ma e’ una barriera naturale sufficiente ad impedire il sovraffollamento. Sotto non ci sono ombrelloni e stabilimenti. La lunga spiaggia di  Mezzavalle  è anche la piu’ ampia della Riviera del Conero.   Per questo Mezzavalle  fa fatica a fare il “tutto-esaurito”, come invece avviene a Portonovo o a San Michele.

Da una parte la vista della baia di Portonovo e del Monte Conero. Dall’altra il “Trave” dove la spiaggia finisce ma “trionfalmente” con una striscia di Monte che si addentra nel mare per centinaia di metri. Dall’ alto non la noti subito quella “lama tagliente”, devi guardare bene.  Ma quando arrivi là capisci che il Monte non è “discretamente” staccato dal Mare ma lo abbraccia con un tentacolo lunghissimo, così lungo che il confine tra Mare e Monte non è definibile semplicemente.  E’ sott’acqua da qualche parte, ma molto lontano dalla riva….

Le viste naturali, l’assenza quasi assoluta di luci, la dimensione della spiaggia, il rumore del mare, la protezione offerta dal monte come una grande valva di una conchiglia.  Queste sono le ragioni per non riprendere la salita dello stradello alla sera e passare la notte qui con un sacco a pelo nelle giornate calde d’estate.  La magia della transizione tra sera, notte, alba e giorno: un’esperienza di contatto vero con la Natura che molti vogliono vivere almeno una volta nella vita.  I colori del crepuscolo sono spesso intensi. Ma quando al tramonto del sole si aggiunge negli stessi tempi il sorgere della luna allora si godrà  presto di un’altra meraviglia: il mare illuminato dalla luna si colora d’ argento mentre gli ultimi raggi del sole colorano il cielo ancora di blu.  Ma questo show non è prerogativa  dell’estate.

Come spesso succede per godere delle sorprendenti esibizioni che la Natura può regalarci, bisogna rispettare un appuntamento.

Ecco perché ero qui.  Per ammirare “fuori stagione” lo spettacolo del chiaro di Luna serale.

 

Il Monte in riva al mare

Il Monte in riva al mare

Ogni città, ogni terra ha i suoi luoghi simbolici. Spesso sono cattedrali, piazze, torri, ponti cioè edificazioni dell’uomo. Ma talvolta il simbolo ce lo regala la Natura.
Dall’ autostrada, passato Fano, la strada diventa rettilinea in direzione Sud Est. Dopo pochi chilometri appare la sagoma del Monte Conero in lontananza. E man mano che ti avvicini i contorni diventano sempre più definiti e cresce l’emozione.
Neanche 600 metri tanto che forse non dovrebbe chiamarsi Monte. Ma la sua posizione è indiscutibilmente unica. Tutta la sua altezza è affacciata sul mare e per questo si è guadagnato di diritto quel nome.
Il Monte Conero rompe la monotonia della costa adriatica per alcuni chilometri da Nord a Sud  tra  Palombina dove la spiaggia è piatta e sabbiosa e Numana dove torna piatta ma di sassolini.
Le pendici del Conero degradano a Nord fino ad Ancona. Ad ovest verso la campagna di Camerano. A sud verso Sirolo e Numana. Ed in mezzo lui maestoso, dolce verso la campagna severo verso il mare. Dalla sua cima partono sentieri che ricordano quelli alpini. Gli scalatori amano arrampicarsi in percorsi a strapiombo e mozzafiato. Solo che qui sotto non c’è una valle od un fiume ma il blu-verde del mare. La roccia è di un colore bianco intenso e contrasta il verde della vegetazione della macchia mediterranea del pino e del leccio o il giallo delle ginestre, quando sono fiorite. Nelle giornate terse primaverili o estive il monte regala una sinfonia di colori intensi e fortemente saturi. Il cielo è blu e si stacca dal mare che invece assume una gradazione verdastra, per via del riflesso della folta vegetazione del Monte. La spiaggia è stretta ma fatta di ciottoli bianchissimi. Sul mare si ergono scogli bianchi di varia dimensione tra cui la “Vela” e più a sud le “Due Sorelle”. La bellissima chiesetta di Santa Maria di Portonovo, miracolosamente intatta, è a pochi metri dal mare a raccontarci una storia di 1000 anni. Il monte a strapiombo sul mare espone la sua terra ricca di argilla che regala riflessi argentati, quando colpita dal sole. Sopra il monte con le 50 e più sfumature di verde, il giallo dei fiori di ginestra, il bianco dei sentieri. Intorno la campagna sembra un giardino di fiori, prati, grano, girasoli.
In Inverno i colori sono meno intensi. Le mareggiate sono spesso impetuose e talvolta consumano un po’ di monte, trasportando sul mare nuove rocce, argilla e tronchi d’albero.
La foto scattata ieri riprende il monte in una stagione “di mezzo”. Le nuvole che “ballano” sul monte, un raggio di sole che miracolosamente riesce a farsi largo tra le nuvole stesse. Un cielo a più colori. Un mare dal blu scuro. Il marrone dei campi arati, bagnati dalla pioggia del giorno precedente. La vegetazione sempreverde.
Il simbolo della mia terra è un regalo della Natura, ogni giorno magicamente diverso ed imprevedibilmente bello. E’ impossibile star lontano da lui per troppo tempo.

Foschia Rossa a Singapore

Foschia rossa a SingaporePensavo fosse foschia, quella nebbia che limitava la visibilità sulla “città Stato”, dal punto panoramico del grattacielo dell’hotel.  Ero lì quasi all’ alba con la mia attrezzatura fotografica portata dall’Italia con qualche difficoltà.  Non ero mai stato a Singapore ma sapevo che la posizione equatoriale non dà praticamente tregua al caldo umido con temperature sempre intorno ai 30 gradi tutto l’anno. Non deve esserci grande emozione nel controllare il termometro.  Ero preparato a quella fastidiosa umidità, regina del clima equatoriale.

Ma il giorno dopo un tassista mi rivelò una scioccante verità.  “Non è nebbia, ma fumo. Viene dall’Indonesia, da Sumatra. Stanno bruciando le loro foreste. Lo fanno tutti gli anni a Settembre.   Ogni anno è però peggio. ….”

Aggiunse poi che il Venerdì avevano chiuso le scuole perché l’Indice Standard di Inquinamento aveva raggiunto quasi 400, un valore molto pericoloso per la salute dei cittadini e dei bambini. Un valore che non si era mai visto in passato.

La deforestazione è illegale ma ormai avviene in forma scientifica ed industriale. Perché le foreste devono lasciare spazio alle piantagioni di olio di palma. Il mondo avanzato è “assetato” di olio di palma, i suoi derivati si trovano in moltissimi prodotti. L’ industria del cibo lo trova una specie di uovo di colombo, un’alternativa economica e funzionale rispetto ad altri olii vegetali e finisce così direttamente o indirettamente in buona parte dei prodotti che consumiamo regolarmente. Le previsioni parlano di crescita a progressione esponenziale.  E così Sumatra brucia sempre di più. Il fumo è solo la punta dell’iceberg del problema perché  la deforestazione distrugge un intero ecosistema vegetale e animale. Non solo gli alberi devono sgombrare ma anche chi in quell’ambiente naturale vive da sempre.  Come gli orango tango che sono  lì da secoli ed oggi sono uccisi o devono andarsene, proprio a causa della produzione dell’olio di palma. Migranti anche loro che non sanno dove andare.

Di questa storia io non sapevo nulla prima di trovarmi casualmente a Singapore nel momento sbagliato.  Poi ho cercato informazioni ed ho capito…   Se la guardi attentamente la nube di Singapore non è solo nera ma è anche rossa, rossa di sangue.

Per maggiori informazioni